Home

ARTICOLI IN EVIDENZA

Quest’anno,  con il circolo Lamasena sono previsti due  appuntamenti con  PULIAMO IL MONDO, arrivato alla sua venticinquesima edizione.  Il primo evento si terrà il giorno 23 settembre alle ore 8.00 a Veroli presso via Aia Le Monache. I volontari si occuperanno di sistemare Fontana Sparavigna  e apporre una targa toponomastica del luogo.  Il secondo evento si terrà il giorno successivo, 24 settembre,  alle ore 8.00 con ritrovo presso la piazza centrale di Strangolagalli. Il gruppo dei volontari provvederà a pulire, nella seconda giornata,   Fontana Malanome e, successivamente, si dirigerà verso Boville Ernica per pulire   Fontana Peticchia.

 


Facciamo un SAL
Ogni tanto bisogna fermarsi per osservare la strada già fatta ed alzare lo sguardo al fine di  scrutare il percorso che ancora ci attende per capire se la direzione intrapresa sia ancora quella giusta.
A metà dell’anno corrente, l’associazione Lamasena ha lavorato su tanti temi che sono riassunti nell’articolo …Leggi tutto


presidente relatoriInquinamento luminoso e tutela del cielo notturno
Il 16 gennaio 2016, presso la bellissima e gremita Sala Consiliare del comune di Boville Ernica, si è svolto un incontro, organizzato dal Circolo Legambiente Lamasena, con il patrocinio del comune di Boville Ernica e della Pro Loco ed in collaborazione con l’Osservatorio astronomico di Campo Catino, per ragionare sui temi e le criticità dell’inquinamento luminoso. …Leggi tutto.


PONTE-ROMANOIl giardino Aromari
L’associazione Lamasena ha preso in affido lo spazio verde presso l’abbazia di Casamari per costruirvi una dimensione naturalistica e culturale su cui cercherà di far convergere l’antica sapienza sulle erbe tramandata dai monaci cistercensi dell’abbazia i quali hanno, tuttora, una vivida tradizione erboristica…Leggi tutto


PROMUOVERE LA BELLEZZA


Speriamo in un paese in cui possa esistere un assessorato alla bellezza che abbia  anche ampie deleghe nel campo della salute dei cittadini.

Questo esimio assessore, insieme alle commissioni ambiente e territorio, avrebbe il compito di  disegnare paesaggi belli da gustare e respirare. Egli lavorerebbe accanto al delegato all’urbanistica per istituire il piano colore  nei centri storici e  cercherebbe di liberare le piazze e le aiuole dalle auto parcheggiate in ogni dove.

Non pago di ciò, l’assessore alla bellezza comincerebbe a pensare ad una serie di azioni per dissuadere i suoi concittadini a non occupare altro suolo per le nuove costruzioni.  Quindi, il riuso del già edificato sarebbe incentivato e valorizzato dalla stessa amministrazione al fine di renderlo ecocompatibile. Le nuove e vecchie case  sarebbero  in grado di riciclare l’acqua piovana, produrre acqua calda sanitaria e energia dal sole. I sistemi passivi di isolamento termico sarebbero utilizzati in ogni nuova costruzione o ristrutturazione.

L’assessore alla bellezza istituirebbe, periodicamente, concorsi per premiare la casa più integrata nel contesto paesaggistico, quella più autosufficiente sul piano energetico, quella con l’orto domestico più  ricco, quella che si nasconde meglio nella vegetazione,  quella che ha il consumo elettrico più basso pur non avendo un impianto fotovoltaico, quella in cui la locomozione dei suoi inquilini è assicurata dai mezzi più ecologici.

Siccome la bellezza è anche cultura, il nostro esimio assessore inizierebbe a creare momenti formativi per gli alunni delle scuole del suo comune.  Questi momenti darebbero l’opportunità ai bambini di incontrare solo protagonisti positivi in modo che possano far tesoro degli esempi  migliori nel campo del volontariato, nell’assistenza verso gli ultimi, nell’artigianato e nella letteratura.

Non pago ancora di tale attivismo,  il nostro assessore più amato si dedicherebbe a favorire l’istituzione di periodi d’apprendistato all’interno delle imprese e dei laboratori artigiani in modo da far entrare la  curiosità e la meraviglia nella testa di quei ragazzi,  che sono ormai disabituati all’uso creativo delle mani.

Ecco, nel nostro mondo ideale non ci rassegniamo all’ineluttabilità e crediamo che la storia debba essere ancora scritta. Abbiamo la forte speranza che la corsa vorticosa della bruttezza  si possa ancora fermare.

I tre monasteriLa Bellezza dei  dei tre monasteri con il loro allieamento: Cappuccini di Monte San Giovanni Campano,Cistercensi di Casamari e Redentoristi di Scifelli.

Annunci