Archivi del mese: agosto 2018

Escursione all’insegna dell’Etnologia, dell’Archeologia e della Biodiversità

Il 19 agosto , su  invito dell’associazione culturale SS Antonio e Nicola di Vaglie San Nicola, il circolo Lamasena ha partecipato alla festa delle associazioni monticiane.
In occasione dell’evento il circolo  ha organizza una passeggiata che ha avuto lo scopo di avvicinare molti soci e curiosi ad una conoscenza più diretta della collinetta di Civitella  con i suoi reperti archeologici e le sue più recenti  radici rurali di fine ottocento ed inizio novecento.
Presso l’aia “Mengotte”  è stato interpretato  un racconto di Ugo Iannazzi (curatore tra l’altro, del museo  delle Genti di Ciociaria di Arce) che ha fatto rivivere gli usi e le abitudini della civiltà rurale in cui l’aia ne era il fulcro sociale e lavorativo. Sono state rievocate le modalità con cui si trebbiava  il grano e si mondava dalla pula (“cama“); si è riportato alla memoria il rito della scartocciatura del granturco che declinava in serate di festa popolare con i tipici canti ciociari; si è parlato dell’aia come centro in cui si svolgevano le piccole attività commerciali con le lunghe  discussioni tra i coloni e il proprietario terriero che imponeva le inique ripartizioni dei raccolti.
Il gruppo di escursionisti, proseguendo tra gli antichi  sentieri di Civitella,  ha potuto ammirare le mura poligonali/ megalitiche, che si estendono per circa 200 mt sulla sommità della collinetta e di cui ne restano importanti testimonianze,  nonostante l’incuria e la mancata salvaguardia.  Tali mura sono di II maniera e,  si reputa,   possano essere datate all’età del bronzo. Esse necessiterebbero di uno studio più accurato per definirne meglio sia la collocazione storica e sia l’identificazione più certa delle  antiche  popolazioni che hanno abitato tale luogo che, si suppone, siano state gli Ernici ( e , forse, i Volsci) che hanno condiviso  le sorti delle vicine città  di Arpino, Atina, Veroli, Anagni e Ferentino nella contrapposizione all’egemone potenza di Roma a cui hanno tenuto testa per circa 150 anni.
Nell’occasione,  il ruolo di mascotte della  passeggiata lo ha assunto un asinello  dell’azienda Gallolarino che promuove, attraverso la passione del suo titolare Roberto Dalia, l’allevamento di razze rare autoctone come la gallina Ancona, la Pecora Quadricorna, i Pony di Esperia e  la razza reliquia degli Asini dei Monti Lepini a cui appartiene, appunto,  la mascotte della passeggiata.
Annunci

Alla ricerca della biodiversità e delle tracce storiche a Civitella

L’associazione Legambiente Lamasena si è posta, sin dai propri esordi, la volontà di rilanciare e promuovere l’utilizzo e la conoscenza del patrimonio storico, paesaggistico e ambientale. Per tale ragione, i soci hanno accolto con grande favore l’invito dell’ass. Culturale SS Antonio e Nicola di partecipare alla festa delle associazioni Monticiane (fissata per domenica 19 agosto 2018).

Nell’occasione, il circolo Lamasena organizza una passeggiata ecologica tra storia, natura e tradizioni popolari.  Durante la breve  escursione si cercheranno i resti delle mura poligonali presenti sulla parte più alta della collinetta di Civitella (in fraz. di  Vaglie S. Nicola di Monte San G. C. – FR.)   in cui –  si ipotizza – si insediarono nuclei abitativi delle antiche popolazioni pelasgiche.   Passando nei pressi  dell’aia “mengotte” si rievocheranno le usanze e le tradizioni della civiltà contadina di inizio secolo scorso in cui lo spiazzo circolare era il centro vitale di tutta Civitella. Nell’aia “mengotte” la comunità locale si dava appuntamento per lavorare o per socializzare. Nell’aia si battevano i covoni di grano e si mondava dalla pula (in dialetto “cama”), o si spogliava il mais , accompagnandosi con stornelli della tradizione contadina, o ci si riuniva nelle serate d’estate per raccontare storie e aneddoti.

La passeggiata sarà anche un pretesto per raccontare di biodiversità e di cibo a Km zero attraverso la voce di protagonisti che, silenziosamente ma con determinazione, portano avanti progetti di salvaguardia di razze rare e di recupero di terreni abbandonati per realizzare orti e coltivazioni biologiche.

L’appuntamento è fissato per domenica 19 agosto alle ore 8.30 a Vaglie san Nicola (MSGC). La passeggiata sarà allietata dalla compagnia
di asinelli dei Monti Lepini.